Le Fasi di Sviluppo di Un Sito Con WordPress

Analizziamo una tecnica usata per costruire un sito WordPress. Ci sono tante vie da seguire per costruire un sito WordPress ed ognuno, naturalmente, si costruisce la propria strada da solo, questo è un aiuto o un suggerimento rilevato analizzando l’operato di un tecnico che lavora in questo campo da molti anni. Andiamo quindi ad analizzare e condividere quali sono i passi seguiti per lo sviluppo un sito con WordPress.

World Wide Web

Si possono seguire diverse fasi nella creazione di un sito con WordPress: normalmente molti partono subito con lo sviluppo, con una conseguente perdita di tempo, perchè ad esempio, nella maggior parte dei casi, ci si accorge di aver sbagliato a sviluppare un contenuto come una pagina, piuttosto che come un custom post type, oppure, spesso si sbaglia la scelta del plugin.

Utilizzando determinati strumenti e seguendo determinate fasi, i tempi di sviluppo si sono notevolmente ridotti.

Suddividiamo queste fasi secondo una logica:

  1. Strumenti da utilizzare;
  2. Svliluppo sito statico;
  3. Testing;
  4. Analisi per lo sviluppo del sito con WordPress;
  5. Tema di partenza;
  6. Plugin essenziali

Iniziamo dalla prima fase:

1. Strumenti da utilizzare

La rete mette a disposizione infiniti tool, strumenti e programmi che si possono utilizzare durante le varie fasi di sviluppo.

php-wordpress-code

In questo caso il professionista Web Developer ha deciso di organizzarsi in questo modo:

  • Lavorare con 2 monitor;
  • XAMPP, per lavorare in locale con WordPress;
  • l’editor Aptana che con l’aggiunta del bundle dedicato a WordPress, facilita molto lo sviluppo;
  • La funzione “Ispeziona Elemento” di Google Chrome;
  • Sofresh, per vedere le modifiche al CSS senza dover ricaricare la pagina;
  • Responsivator, per testare siti responsive.

Naturalmente ognuno ha le proprie preferenze, in questo caso poniamo però l’attenzione sul procedimento più che sui tools usati.

2. Sviluppo sito statico

Questa fase può apparire una perdita di tempo a volte, ma sviluppare il sito in versione statica, almeno per le parti più complesse da alcuni vantaggi, e vediamo quali:

wordpress-template-code

Iniziare in questo modo porta questi quattro vantaggi:

  • si può mostrare in tempi brevi una versione funzionante al cliente/webagency;
  • permette di concentrarsi su eventuali animazioni jquery complesse o layout articolati;
  • permette di fare subito il testing sui vari browser;
  • permette di capire come gestire poi dinamicamente i contenuti con WordPress.

3. Testing

In questa fase dove si deve garantire la compatibilità con i diversi browser, tablet e smartphone. Si preferisce fare subito questa fase, in modo poi da concentrarsi solo sullo sviluppo wordpress.

software-testing

Quindi si va a testare il sito in Internet Explorer dalla versione 7 in su, utilizzando la modalità di compatibilità di IE9, e in tutti gli altri browser.

Inoltre verifichiamo il comportamento del sito su iPhone e iPad, per capire se ci sono eventuali aggiustamenti da fare per questi dispositivi.

4. Analisi per lo Sviluppo del Sito con WordPress

E’ una fase importantissima, in quanto ci permette di capire come gestire i contenuti del sito.

business-meeting

In particolare permette di definire:

  • se gestire i contenuti come pagine, articoli, custom post type, categorie o tassonomie;
  • i plugin da utilizzare

Una volta definite queste fasi ci si può dedicare allo sviluppo con WordPress del sito.

5. Tema di partenza

Ora è necessario trasportare la versione statica del sito in WordPress e la prima scelta da fare è il tema da cui partire.

responsive-wordpress-theme

Qui naturalmente abbiamo a disposizione un “mondo” di soluzioni, trattandosi di WordPress, ma come sempre la migliore è la più semplice: affrontare il problema scegliendo un tema il più possibile pulito ed organizzato che è l’ideale soluzione da cui partire dato che poi il tema finale va sviluppato per intero.

6. Plugin essenziali

In questo caso lo sviluppatore ha individuato alcuni plugin wordpress, che in pratica possiamo tenere presente come un’ottima base di partenza per qualsiasi sito creato in wordpress.

wordpress-plugins

  1. Yoast SEO: ottimo plugin per gestire qualunque aspetto dedicato all’ottimizzazione SEO del tuo sito;
  2. Advanced Custom Field: plugin che permette di aggiungere ulteriori campi per l’inserimento di dati;
  3. WPML: il miglior plugin per creare un sito multilingua;
  4. Contact Form 7: utilissimo per creare un modulo contatti;
  5. W3 Total Cache: plugin utile per migliorare la velocità del sito;
  6. Akismet: questo plugin è importante quando sono permessi i commenti agli articoli e vogliamo eliminare lo spam in automatico.
Creo e gestisco siti web, siti di ecommerce, blog personali e siti aziendali, applicazioni web-based e applicazioni mobili personalizzate per Iphone / Ipad e Android. Gestisco domini Internet e server Linux: Fedora, CentOS e Ubuntu; Database MySQL; eCommerce PrestaShop; CMS WordPress e Joomla.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *